Magazine

Cos’è una landing page e come progettarne una

17/05/2021
Cos’è una landing page e come progettarne una
La landing page è una pagina di atterraggio in cui l’utente arriva dopo aver cliccato su un link. Lo scopo della landing page è guidare il visitatore a compiere una determinata azione, ad esempio la compilazione di un form, l’acquisto di un determinato prodotto o servizio, l'iscrizione alla newsletter, la lettura di un contenuto.
Si tratta solitamente di una pagina separata dal sito web principale, con caratteristiche semplici ed essenziali, infatti all’interno di una landing page non possono essere presenti troppi link interni o menu di navigazione tali da distrarre l’utente dal compiere l’azione desiderata.

Tipi di landing page

Le landing page si differenziano in base alle finalità e al pubblico di riferimento che si intende raggiungere. Generalmente si tende a distinguerne due tipi, quella per ottenere nuovi contatti e quella per la vendita di un prodotto o servizio.

Landing page per ottenere lead

L’obiettivo è ottenere nuovi contatti di utenti potenzialmente interessati al prodotto o servizio offerto dall’azienda allo scopo di poterli ricontattare in seguito e trasformarli in clienti.
Dunque l’informazione che queste pagine tentano di ottenere è l’email o il numero di telefono del visitatore. Va da sé che l'elemento principale della landing page è il form che deve trovarsi in una posizione ben visibile o comunque facilmente raggiungibile.

Landing page per la vendita

L’obiettivo è quello di convincere l’utente ad acquistare un determinato prodotto o servizio mettendone in risalto i benefici che può portare all’acquirente. Qui l’elemento principale diventa la Call to Action che spinge all’acquisto e che in genere viene ripetuta più volte all’interno di una stessa pagina.
Per essere efficace una landing page progettata per questo scopo deve concentrarsi su un unico prodotto o servizio.

Come progettare una Landing Page

Come abbiamo detto, la landing page deve essere essenziale, il suo unico scopo è guidare l’utente a compiere l’azione per la quale è stata progettata. Una landing page è efficace quando gli elementi che la compongono riescono ad attrarre in poco tempo l’attenzione degli utenti potenzialmente interessati a ciò che viene offerto e a convertirli in clienti.

Non esiste una soluzione univoca per strutturare una landing page efficace, infatti tutti gli elementi presenti devono adattarsi all’obiettivo che ci si è prefissati, al pubblico di riferimento, al prodotto o servizio che viene offerto, al contenuto che si vuole comunicare.

In linea generale gli elementi che devono essere presenti all’interno di una landing page sono:

Titolo e sottotitolo

Rappresentano due elementi fondamentali in quanto hanno il compito di catturare l’attenzione dell’utente e di spingerlo a continuare nella lettura. Nello specifico il titolo deve essere in grado di riassumere in pochissime parole ciò che viene offerto all’interno della landing page. Il sottotitolo deve essere coerente con ciò che viene espresso nel titolo e dare alcune informazioni in più riguardo all’offerta proposta.
È essenziale dare molta importanza alla scelta del titolo e del sottotitolo da utilizzare all’interno di una landing page, ricordiamo che in genere l’utente impiega pochi secondi a decidere se continuare nella lettura o passare oltre.

Elementi visivi

Immagini, icone o infografiche che devono continuare ad attrarre l’attenzione degli utenti. Immagini e icone inoltre spezzando il testo, lo rendono più leggero e di conseguenza leggibile. Infine non bisogna dimenticare il forte potere comunicativo di questi elementi che risultano essere più facilmente e immediatamente comprensibili rispetto a un testo.

Corpo centrale

Deve contenere tutte le informazioni utili per l’utente. Il testo non deve essere troppo lungo (meglio dividerlo in più blocchi), ma allo stesso tempo deve essere specifico, chiaro, diretto ed esaustivo. Questa parte della landing page deve descrivere le caratteristiche del prodotto/servizio e quali sono i vantaggi e le opportunità che offre. All’interno del testo è bene evitare termini troppo tecnici, meglio utilizzare un linguaggio che sia professionale, ma facilmente comprensibile per tutti.

Benefit

All’interno del corpo centrale dovrebbe essere presente una sezione dedicata ai benefits, cioè ai vantaggi concreti che il prodotto/servizio può portare all’utente. Quando è presente in genere si punta su una caratteristica del prodotto che la concorrenza non è in grado di offrire, in ogni caso è bene concentrarsi su di un benefit che effettivamente può fare la differenza nel convincere l’utente a scegliere quello specifico prodotto.

Testimonial

Qui si tratta di mettere in pratica il principio di validazione sociale.
Pubblicare le opinioni e le esperienze degli utenti che hanno già scelto quel prodotto/servizio aiuta a ottenere più facilmente la fiducia dei visitatori e convincerli all’acquisto.

Form e Call To Action

Il form all’interno di una landing page deve essere ben visibile e soprattutto deve essere strutturato in modo tale da non far perdere troppo tempo all’utente nella compilazione. I campi del form quindi devo essere quelli strettamente necessari, ad esempio nome, cognome e contatto (e-mail o numero di telefono), altre informazioni possono essere richieste in un secondo momento. Form troppo lunghi infatti possono mettere in difficoltà i visitatori che potrebbero decidere di abbandonare la pagina.

Le Call To Action devono invogliare l’utente a compiere l’azione, e per questo devono essere corte, dirette e immediate.

Risposte ai dubbi più comuni

Prima di cliccare sulla call to action non è raro che gli utenti si pongano qualche dubbio che potrebbe portarli a non compiere l’azione per cui è strutturata la landing page. Per evitare ciò è possibile posizionare poco sotto la call to action le risposte alle possibili obiezioni degli utenti.

Contatti aziendali

Le informazioni relative ai contatti dell’azienda non dovrebbero mai mancare. Per un certo verso possono aiutare a rassicurare il visitatore che sa esattamente quali recapiti utilizzare per contattare l’azienda in caso di problemi o ulteriori domande.