Magazine

Fibra Aruba accetta la sfida del gaming

24/05/2021
Fibra Aruba accetta la sfida del gaming
Non c'è sfida più gravosa per una connessione di quella del gaming. Giocare online, infatti, non è soltanto una questione di banda. Non basta dunque la forza bruta dei Mbps, né la prova muscolare che la promessa di banda nominale è in grado di fornire. Insomma: non basta essere collegati alla fibra per avere la certezza di una esperienza di gioco superiore, realmente all'altezza delle aspettative.

Ecco perché, nel portare la fibra nelle abitazioni, Aruba ha curato ogni dettaglio per fare in modo che il gaming potesse essere quella medaglia al valore che l’offerta può appuntarsi sul petto per dimostrare tutta la bontà delle proprie performance.

Gaming online: oltre la banda c’è di più

La velocità conta, inevitabilmente: è importante poiché i download son sempre più gravosi e perché rappresenta la condizione minima essenziale per poter giocare senza problemi. Non solo: conta anche la possibilità di accedere a traffico senza limiti, dunque evitando quelle connessioni a consumo che autorizzano massima velocità, ma limitano pesantemente la strada online che si può percorrere. La fibra FTTH è dunque un requisito essenziale per tutto quel che vuole essere un gaming online all’altezza della sua vocazione. Ma, appunto, non basta.

La tecnologia Fiber To the Home, identificata dal bollino verde, indica una rete interamente costituita da fibra ottica che collega le centrali fino agli stabili commerciali, condomini e unità immobiliari. Presso l'indirizzo dove si intende attivarla, deve essere installato un cavo in fibra ottica, collegato ai dispositivi ottici a muro (ONT e borchia ottica Open Fiber) e al router Wi-Fi.

Lag

Un aspetto del tutto fondamentale nella comprensione della qualità di una connessione per quanto concerne il gaming è la cosiddetta “Latenza” (nonché Latency Gap, oppure “lag”). Per “Lag” si intende il ritardo percepito tra il momento in cui si effettua una azione di input e quando si riceve il feedback relativo. Banalmente può essere interpretato come la distanza temporale tra il momento in cui si preme un pulsante e l’istante in cui l’effetto correlato si concretizza sullo schermo. Attenzione, trattasi di millisecondi, ma sono fondamentali: nel gioco, dove la reattività è un bene prezioso e può fare la differenza in ogni performance, decidere partite, consentire di evitare ostacoli o determinare il posizionamento in una classifica, è un aspetto centrale.

Superare i 100ms in molti giochi potrebbe essere problematico, offrendo la percezione che ci sia un qualche ostacolo tra i propri input fisici e la concretizzazione digitale delle proprie azioni: ciò crea un disallineamento che, oltre a ridurre le performance, comprime anche l’empatia possibile con le dinamiche di gioco. Stare sotto i 50ms, andando verso l’optimum dei 20-25ms, significa invece essere perfettamente calati nel videogioco, diventando parte integrande della sceneggiatura e della storia. La Fibra di Aruba, nello specifico, promette un lag massimo di 50ms (misurati al data center Aruba), spostando così il baricentro perfettamente addentro il perimetro dei requisiti richiesti per chi gioca online con pc o console di nuova generazione.

Packet Loss

Altro aspetto importante nella valutazione della connessione è relativo alla capacità del network in termini di “packet loss”, ossia di quale sia la quantità di pacchetti di dati persi lungo il tragitto. Questo aspetto è strettamente legato alla natura della connessione utilizzata ed alla bontà del network in uso. Nel caso della Fibra di Aruba, la percentuale massima di “perdite” è pari allo 0,1%, valore che va inteso come limite indicativo della peggiore delle situazioni. Tutto lascia pertanto intendere una connessione del tutto compatibile con le specifiche di gioco, senza situazioni in cui la perdita dei dati rischia di compromettere la partita in corso.

Router

C’è infine un ultimo aspetto da non sottovalutare: la Fibra di Aruba consente di scegliere in proprio il router, senza imposizione alcuna, oppure permette l’utilizzo di un Fritz!Box 7530 con un piccolo sovrapprezzo mensile. Il router scelto dovrebbe avere una caratteristica che andrebbe sempre verificata se si intende utilizzare la rete di casa per il gaming: si tratta della funzione MU-MIMO (Multi-MIMO), ossia la divisione della rete in flussi paralleli che consentono uno scambio più efficace dei dati tra router e dispositivo.

Se si sceglie il modem AVM messo a disposizione da Aruba (e configurato dai tecnici del gruppo), lo standard Wi-Fi 5 e la logica MU-MIMO sono garantiti; se si sceglie di utilizzare il proprio router, è utile verificare che le caratteristiche siano quelle ideali per il gaming, così da non creare un inutile collo di bottiglia proprio nel punto di erogazione della connessione all’interno dell’abitazione.

Con la nuova MU-MIMO vengono utilizzati molti flussi di dati, diversi a seconda del router wireless. Il router distribuisce quindi contemporaneamente i flussi di dati in base alle specifiche richieste dei diversi dispositivi. [...] Puoi così utilizzare contemporaneamente su PC, smartphone e console di gioco la massima ampiezza di banda disponibile, su ciascun dispositivo in base all'effettiva richiesta. Non appena un dispositivo non richiede più dati, le carte in gioco vengono rimescolate. Il risultato è una maggiore capacità di trasporto dati e meno ritardi nella rete wireless, rispetto a quanto possibile con la comune Single-User MIMO. […] Una rete domestica fino a quattro volte più efficiente: anche i dispositivi MU-MIMO beneficiano della trasmissione simultanea di dati. Nella rete wireless la capacità viene sfruttata con maggiore efficienza e i tempi di attesa si riducono per tutti i dispositivi.
Scheda tecnica AVM

Start!

Nella carta degli “standard minimi di qualità” (PDF) il riscontro è chiaro: l’idoneità ai giochi online è pienamente certificata. Che ci si voglia sperimentare nel mondo degli eSport o che ci si voglia semplicemente divertire in multiplayer, insomma, la Fibra di Aruba ha tutto quel che serve per gettare il gamer nell’arena, senza ostacoli e senza rallentamenti. Che la sfida abbia inizio.