Magazine

730 precompilato: come accedervi tramite SPID

07/07/2022
730 precompilato: come accedervi tramite SPID
PMIPrivatiProfessionistiPubblica Amministrazione
La dichiarazione dei redditi precompilata è uno dei grandi passi che il Fisco ha compiuto negli ultimi anni nei confronti del cittadino. La "Precompilata", infatti, velocizza l'operazione, facilita il pagamento delle tasse, evita oneri derivanti dal fatto che un cittadino debba rivolgersi ad un professionista ed evolve in senso digitale il rapporto tra cittadinanza e pubblica amministrazione. C'è una cosa cosa di cui lo Stato deve essere certo nel momento in cui mette a disposizione la precompilata ai propri cittadini: deve avere piena certezza dell'identità.

L'identità è stato il primo grande scoglio da superare, poiché soltanto identificando univocamente ogni cittadino e consentendogli un accesso sicuro al sistema online sarebbe stato possibile pensare un'evoluzione della Dichiarazione dei Redditi di questo tipo. La soluzione più efficace, semplice e diffusa è quella dello SPID, strumento sul quale sarà costruito ogni rapporto tra Italia e italiani negli anni a venire.

Queste sono le settimane in cui con un click ed uno SPID è possibile accedere al proprio modello 730 precompilato: ecco come accedere e compilare in facilità il modulo dedicato.

730 precompilato con SPID

Dal 31 maggio al 30 settembre: è questa la parentesi temporale entro la quale è possibile sfruttare la propria "precompilata" per ottemperare ai propri doveri nei confronti del Fisco. Oltre 1,2 miliardi di informazioni sono disponibili sul sistema per dare forma alla precompilata di tutti i cittadini interessati, i quali potranno accedere tramite questa pagina identificandosi con SPID, CIE o CNS. A differenza di CIE e CNS, lo SPID consente un accesso oltremodo semplice poiché non richiede alcun lettore fisico e si configura come una semplice combinazione nome/password con cui accedere ai server dell'Agenzia delle Entrate.

dichiarazione1.jpg
 
Per sfruttare lo SPID non resta che scegliere l'apposita opzione. Occorre ovviamente anzitutto possedere lo SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) e chiunque non ce l'abbia a disposizione può sfruttare l'apposito servizio Aruba ID Personale. Possedere un'identità digitale SPID è oggi viatico per moltissime opportunità poiché questo è uno dei canali preferenziali scelti dalla PA per erogare i propri servizi, partendo dal Fisco e arrivando all'INPS, i servizi per gli automobilisti, la pubblica amministrazione locale e molto altro ancora.

dichiarazione2.jpg
 
Una volta selezionato "Aruba ID" tra i provider, è possibile introdurre le proprie credenziali ed in un attimo si sarà entrati all'interno del servizio. L'identificazione è a questo punto avvenuta: non resta che scegliere come si intende procedere:

dichiarazione3.jpg
 
Nel nostro caso sceglieremo "La tua dichiarazione precompilata", che consente di proseguire dritti verso i propri dati e la propria denuncia dei redditi pronta alla consegna. Una volta entrati, non resta che seguire pedissequamente le istruzioni per compilare tutti i campi richiesti e fornire tutte le informazioni necessarie a completare un quadro della situazione già comprensivo di tutte le informazioni che il Fisco ha saputo reperire in automatico a partire dall'identità fornita.

dichiarazione4.jpg
 
La scelta del modello di propria competenza consente di accedere al percorso guidato che porta dalla verifica dei dati all'ottenimento dell'F24 finale con il quale saldare la cifra risultante.
Con questo tutorial registrato dall'Agenzia delle Entrate è possibile rivisitare le varie sezioni della Precompilata 2022, visualizzando in soli 3 minuti quanto semplice possa essere procedere in autonomia alla compilazione:

Per guardare il video, devi abilitare i cookie dal pannello dei cookie

oppure

Guarda il video su YouTube

Una curiosità aggiuntiva è legata ad una ulteriore disamina relativa alle proprie imposte. L'Agenzia delle Entrate, infatti, calcola anche come sarà distribuita la cifra raccolta per dare maggior consapevolezza al cittadino circa l'uso che viene fatto delle cifre versate. Ognuno di noi, accedendo tramite SPID e identificandosi così agli occhi del Fisco, potrà dunque sapere quanto delle proprie tasse sarà investito in previdenza e assistenza sociale, quanto in sanità, quanto nell'istruzione, quanto nella difesa, eccetera.
Tutto inizia con la registrazione di uno SPID: il fastidio della Dichiarazione dei Redditi può essere così concluso in pochi minuti, senza spese aggiuntive e senza dover ricorrere all'assistenza di alcun consulente.

730 , spid